Translate

Video Youtube

Loading...

Marzapane o Pasta Reale di mandorle

Premessa: la storia di questa ricetta.

Le origini di questo dolce sono molto lontane. Si tratta di una preparazione dolciaria tipica siciliana, realizzata nel convento palermitano della Martorana, annesso alla chiesa di Santa Maria dell'Ammiraglio, che deve il suo nome a Giorgio d'Antiochia, ammiraglio del re Ruggero II. Il nome "reale" attribuito alla pasta dolciaria si può ricondurre al fatto che essa fosse "degna di un re" per la bontà e le caratteristiche del dolce.

Impieghi della pasta reale 

Le due più note applicazioni della pasta reale sono: la cosiddetta frutta martorana, ossia i "finti frutti": vero capolavoro dell'artigianato dolciario siciliano, che vengono prodotti e regalati per la festa dedicata alla commemorazione dei defunti e la cassata, anche questa un'invezione tutta siciliana. In questi casi la pasta reale viene colorata usando dei colori alimentari in polvere o a gel, per riprodurre fedelmente attraverso un'accurata manipolazione con le mani della pasta, le forme e i colori dei i vari tipi di frutti ( albicocca, banane ecc.. ). Nel caso della cassata, il colore che viene dato alla pasta è il colore verde, ottenuto impastando la pasta reale insieme a della pasta di pistacchio di Bronte, il migliore reperibile in commercio e prodotto ovviamnete sempre in Sicilia.
Frutta Martorana
Gli ingredienti ( la ricetta del Marzapane)
Sono pochi e di base, rendendo molto facile e veloce la preparazione dei dolci fatti con questa pasta. Gli ingredienti sono fondamentalmente: la farina di mandorle ( semilavorato che si può trovare in commercio ), lo zucchero a velo e il miele sciolto nell'acqua  o l'albume d'uovo ( in mancanza del glucosio liquido ). La farina di mandorle e lo zucchero a velo vanno dosati nella stessa qunatità.

Nessun commento:

Posta un commento